San Valentino, protettore degli innnamorati

San Valentino,tra storia e leggenda

Cenni storici

Nato nel 176 in una famiglia dell'aristocrazia patrizia, Valentino viene ordinato vescovo in età precoce, a soli 21 anni, nel 197. Nel 270 si reca a Roma per celebrare una funzione religiosa, e viene invitato dall'imperatore Claudio II a sospendere la stessa. Dopo aver rifiutato, viene comunque graziato dall'imperatore, e lasciato nella mani di una famiglia di nobili. Arrestato una seconda volta nel 273, stavolta su ordine dell'imperatore Aureliano, viene condotto fuori città, flagellato e decapitato.

I miracoli

Secondo una leggenda popolare, San Valentino avrebbe aiutato due innamorati a riconciliarsi, semplicemente porgendo loro una rosa. Un altro racconto narra invece che l'allora vescovo di Terni abbia aiutato a celebrare un matrimonio che incontrava l'opposizione dei genitori della sposa: in entrambi i casi, si parla di leggende che hanno contribuito a conferire a San Valentino il ruolo di patrono degli innamorati.

La festa e le sue origini

Probabilmente già a partire dal IV secolo si celebra in Italia la festa di San Valentino, principale patrono della città di Treni. Il 14 febbraio, conosciuto e onorato in tutto il mondo, è legato ad una serie di tradizioni e riti particolari che si svolgono proprio nei luoghi dove ha vissuto il Santo.

Vuoi lasciare un commento?

Compila i campi per lasciare un commento. Il commento verrà pubblicato dopo l’approvazione del moderatore.