San Valentino, protettore degli innnamorati

San Valentino nell'arte

Il Santo di Terni protettore degli innamorati


Vissuto nel III secolo d.C. nella città di Terni, San Valentino fu vescovo e martire ed il suo culto si diffuse in poco tempo non solo in Umbria ma in tutto il mondo, fino a diventare l'emblema degli innamorati. Innumerevoli sono le testimonianze artistiche che attestano la popolarità del Santo attraverso i secoli. Molte di queste testimonianze si trovano custodite nella Basilica Santuario di San Valentino, a Terni, dove sono conservate le spoglie del santo e dove si trova il museo di San Valentino, ricco di reperti storici che risalgono al periodo dell'anticaRoma.

Tra arte e storia

La festa di San Valentino, che cade il 14 febbraio e coincide con il giorno della morte del santo, è strettamente legata alla celebrazione dell'amore in tutte le sue forme. Anche le arti figurative, sensibili al richiamo di questo sentimento, celebrano da sempre l'amore con la creatività che le contraddistingue. Tra le opere d'arte che l'immaginario collettivo collega immediatamente alla figura del protettore degli innamorati vi sono "Il bacio" romantico e malinconico di Heyez o quello appassionato ed avvolgente di Klimt, dipinti che sono diventati veri e propri simboli della festa di San Valentino.




Vuoi lasciare un commento?

Compila i campi per lasciare un commento. Il commento verrà pubblicato dopo l’approvazione del moderatore.